Aiuto ho scritto un libro! Guida pratica

L’umiltà di pagare… per farsi pubblicare?

Periodicamente, certe discussioni spuntano come funghi nel sottobosco degli aspiranti autori. Ho già affrontato il discorso dell’editoria a pagamento in questo articolo, in cui vi ho spiegato come riconoscere gli EAP e perché è importante evitarli. Oggi però vorrei mettermi nei panni dell’aspirante autore, la cui unica certezza è quella di voler pubblicare un libro; per lui, il mondo dell’editoria è una giungla. Ecco, immaginate che qualcuno gli dica “tu non sei nessuno, non hai agganci, però io credo in te e voglio darti la possibilità di pubblicare. Tuttavia, siccome non sei nessuno, devi essere umile e accettare di pagarmi“. Perché è un ragionamento profondamente sbagliato e disonesto?

Partiamo col dire che fare leva sul desiderio di pubblicare è un colpo basso. Il povero autore non cerca altro che supporto e attenzione, cosa che gli EAP sanno benissimo. Vi diranno che hanno letto il vostro romanzo e hanno deciso di prenderlo sotto la loro ala, ma in cambio vi chiedono qualche migliaio di euro, convincendovi che tutto ciò sia normale, anzi, necessario.
Tanto per cominciare, è molto facile capire che la maggior parte degli EAP non leggono i romanzi ricevuti: nelle mail che vi manderanno ci saranno complimenti molto generici, applicabili a qualsiasi tipo di manoscritto; se vi confronterete con altri autori, scoprirete che avete ricevuto tutti la stessa identica risposta. Siete solo uno fra i tanti, non vi stanno coccolando bensì vi stanno fregando.

In secondo luogo, è falso affermare che all’inizio bisogna pagare per forza. Quando vi incattiviscono dicendovi che solo i raccomandati pubblicano gratis, vi stanno raggirando.
Inoltre, pagare per essere pubblicati non è umiltà. La vera umiltà è accettare il fatto di aver ricevuto solo proposte di contratto a pagamento, a fronte di un assordante silenzio dagli editori free, e rassegnarsi a rimettere il vostro romanzo nel cassetto.
Questa è davvero umiltà perché, cari aspirante autori, pubblicare non è un obbligo.
Non sto dicendo che la vostra carriera da scrittore non potrà mai iniziare; vi dico solo che non inizierà in questo momento con questo romanzo.
Essere umili significa essere consapevoli di avere ancora molto da imparare, a livello di tecniche narrative, costruzione di una storia, creazione di uno stile personale ma, soprattutto, di conoscenza approfondita del mondo editoriale.

Come ho detto all’inzio, il mondo editoriale è realmente una giungla, anche per chi lo frequenta da diverso tempo. Può così succedere che un romanzo potenzialmente valido capiti nel momento sbagliato presso l’editore giusto e venga rifiutato, oppure che l’editore giusto decida di chiudere le selezioni fino a data da destinarsi; o ancora, un manoscritto può essere respinto perché non siete riusciti a presentarlo adeguatamente con una bella sinossi o una lettera di presentazione accattivante. Infine, può essere che abbiate prodotto una storia troppo acerba.
Le motivazioni sono tantissime e non mi stancherò mai di ripeterlo. Ecco perché fare leva su una presunta umiltà per farvi scucire molti soldi è sbagliato e in malafede. Le case editrici free, che lavorano bene e accettano perfetti sconosciuti, esistono e ve lo posso dire per esperienza diretta. Sono difficili da trovare e ancora più difficile è riuscire ad accedervi, perché gli autori sono davvero tanti e il budget per le pubblicazioni non è infinito, ma non stancatevi mai di cercare.
Scendere a compromessi va benissimo, ma non abbassatevi sotto una certa soglia. Soprattutto, non lasciatevi tentare da contratti facili con EAP a cui interessa solo il vostro portafogli.

Se vi siete persi gli altri articoli che vi guideranno meglio nella giungla editoriale, li potete trovare al fondo di questa pagina.

Marta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...